La scenografia della tavola: tecnica e arte insieme.

Si può parlare a ragion veduta di scenografia, quando si apparecchia la tavola con arte, perché si tratta di una scena a tutti gli effetti, sia pur ristretta, all’interno della quale ha luogo lo spettacolo del convivio, dove cibo e convitati sono i protagonisti.

Il corso

In molti ci hanno chiesto un corso sui fondamenti della decorazione della tavola e finalmente siamo riusciti ad organizzarlo! Inzieremo con un corso base, volto a fornire i fondamenti della decorazione della tavola. La sede del corso è particolarmente piacevole, il dehor del Ristorante “Il Boccone del Prete”, in via Siepelunga 56/4, Bologna , all’interno del Golf Club Siepelunga. Immersi nel verde e nella quiete, dal dehor si gode una magnifica e rara vista sulla città di Bologna: non potevamo trovare sede più adatta e ricca di ispirazione!

La tavola come scena nela quale si svolge lo spettacolo del convivio
La tavola come scena nella quale si svolge lo spettacolo del convivio

Cosa faremo

Staremo insieme 3 ore, dalle 9.30 alle 12.30 del mattino, durante le quali getteremo le basi per creare tavole scenografiche per ogni occasione conviviale. Impareremo a progettare la tavola in base a criteri precisi,  tenendo conto di ciò che ognuno di noi ha a disposizione. Costruiremo insieme le decorazioni ed i dettagli che “fanno la differenza”. Capiremo come abbinare forme, colori, volumi, per una perfetta resa scenica. Sarà anche un’ occasione piacevole e divertente per conoscerci tra persone accomunate dalla stessa passione per il bello. Ognuno, poi, potrà portare con sé le proprie creazioni. E alla fine del corso, per rinfrancarci dopo la fatica,  sarà nostro piacere offrirvi un fresco aperitivo servito nel dehor!

Lucia Pazzi

A guidarvi in questo breve ma intenso percorso, sarà Lucia Pazzi. Autrice di libri sulla decorazione e sull’arte del ricevere, ha condotto numerosi corsi sull’argomento per privati ed operatori ed è la fondatrice de “Il Piacere di Ricevere”. Sarete, quindi, in mani molto esperte!

Il corso in breve

Quando: Sabato 8 giugno 2013 – dalle 9.30 alle 12.30

Dove: via Siepelunga 56/4 Bologna – Ristorante “Il Boccone del Prete”

Partecipanti: minimo 6 –  max 10 persone (il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di iscritti)

Costo: comprensivo di tutti i materiali e le attrezzature occorrenti €  85,00 (€ 70,00 + IVA 21%) a persona

Pre-iscrizione:  obbligatoria entro e non oltre il 01/06/2013, scrivendo a corsi@ilpiacerediricevere.it oppure telefonando al numero 3397581147.

NB: al raggiungimento del numero minimo di partecipanti, a coloro che avranno effettuato la pre-iscrizione sarà chiesto il versamento di una caparra di € 35,00 (non rimborsabile) a  conferma dell’iscrizione al corso.

Informazioni: agli stessi recapiti indicati per la pre-iscrizione

Iscrivetevi in fretta, i posti disponibili sono limitati!

A presto!

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Pinterest
  • Twitter

Matrimoni 2013: come scegliere le decorazioni.

Fiori, stili, atmosfere, colori: oggi parliamo di tutto ciò che rende magico il giorno del matrimonio!

Avete scelto la location, il catering, gli abiti, forse anche il fotografo, ed è giunto il momento di pensare alla decorazione, quella parte dell’organizzazione del proprio matrimonio deliziosa per le future mogli,  un po’ più simile ad una tortura per molti  futuri mariti (non per tutti, però!).

Noi de Il Piacere di Ricevere, naturalmente concordiamo con le future mogli: è la parte più creativa e stimolante del nostro lavoro di wedding designer e nell’articolo di oggi, vi diamo alcuni suggerimenti per scoprire quale sia il vostro allestimento ideale.

Colore, colore, colore

Colore di tendenza per il 2013, il rosa è un bellissimo colore ricco di sfumature, ma sceglietelo solo se vi piace veramente e non per "moda"
Colore di tendenza per il 2013, il rosa è un bellissimo colore ricco di sfumature, ma sceglietelo solo se vi piace veramente e non per “moda”

Guardandoci attorno, il colore è il primo elemento percepito dal nostro cervello ed influenza notevolmente le nostre emozioni rispetto all’ambiente in cui ci troviamo. L’amore o l’antipatia per un determinato colore (o categoria di colori)  è soggettivo, e questi sentimenti possono cambiare radicalmente nel corso della vita. Così pure, si può amare appena un tocco di quel determinato colore e non sopportarlo se è presente in modo esteso. Perciò, ecco la prima domanda da porsi: qual è il colore (o i colori) che preferisco avere attorno, quello (o quelli) che mi fa star bene quando lo vedo? Avete risposto? Vi svelo un piccolo segreto: mentre le future spose a questa domanda rispondono in modo molto diverso una dall’altra, toccando una gran varietà di colori e sfumature, i futuri sposi optano quasi regolarmente per il verde.  Fortunatamente non è difficile trovare il giusto compromesso, perché il verde si abbina bene a tutti i colori dei fiori, come natura insegna.

Per aiutarvi nella scelta, se non avete una risposta precisa già pronta, pensate a categorie di colori: tenui pastello o decisi ed intensi? Polverosi ed antichi o vivaci e moderni? Oppure lavorate per sottrazione, pensando ai colori che proprio non sopportate: quelli rimasti saranno quelli “giusti”.

Un suggerimento: non fatevi influenzare troppo dalle mode, perché correte il rischio di ritrovarvi in un ambiente che non vi assomiglia, oppure, orrore!, di avere un  matrimonio uguale a quello di un’amica dell’amica, dell’amica!

Il verde è il colore preferito dalla maggior parte dei futuri mariti ed abbinato al bianco è sempre molto elegante
Il verde è il colore preferito dalla maggior parte dei futuri mariti ed abbinato al bianco è sempre molto elegante

Lo stile che più vi assomiglia

Partendo dal colore è abbastanza facile definire anche lo stile, ma fate la “prova del nove”. Chiedetevi quali forme vi attirano maggiormente: tonde o quadrate? Se amate le prime, probabilmente vi si addice  uno stile classico, romantico, ornato o spontaneo. Se, invece, quadrato è la vostra risposta, moderno, essenziale, strutturato, di design, verosimilmente è lo stile adatto a voi.

Abbiniamo adesso forme e colori, facendo un’importante premessa. Il bianco essendo un “non colore” per definizione, può essere declinato in stili anche diametralmente opposti, perciò nel caso in cui l’ abbiate scelto, è importante fare una riflessione precisa sullo stile.

Di seguito vi propongo alcuni abbinamenti forma/colore/materiali sui quali riflettere: in quale descrizione ritrovate maggiormente i vostri gusti?

Il Piacere di Ricevere - Bologna - Matrimonio romantico
Forme tondeggianti anche per il bouquet a centrotavola, organza e candele

A)    Forme: tondeggianti e morbide – Colori: rosa pallido, rosa antico, bianco burro, sabbia – Materiali: trasparenti come cristallo e organza, nastri di raso, rose antiche e peonie, candele accese.

B)    Forme: retro’ ed ornate, vissute –   Colori: pastello resi pallidi dalla patina del tempo – Materiali come pizzo, lino, ceramica, metallo smaltato, anche con un po’ di ruggine,  ortensie.

C)    Forme: semplici, grezze, irregolari – Colori: polverosi, resi imperfetti dalle intemperie – Materiali: il legno, il vetro colorato, il metallo arrugginito, la corda, la seta grezza, il lino, ginestra, bocca di leone, ortensia.

Il Piacere di Ricevere - Bologna - Matrimonio al peperoncino
Rosso, bianco e nero: colori senza compromessi, per decorazioni moderne e addirittura “piccanti”!

D)    Forme: protagoniste assolute, originate da una scelta netta e  precisa –  Colori: pieni e decisi, anche il nero – Materiali: vetro, plexiglass, legno, ferro, calla, anthurium, rami naturali.

Il Piacere di Ricevere - Bologna  - confettata
Bianco assoluto per fiori e tessuti, illuminati dalla luce delle candele

E)  Forme: sontuose, importanti, ricche – Colori: tutte le tonalità del bianco – Materiali: argento, porcellana, raso e seta.

Come è andata? Quale combinazione vi ha colpito,  quale avete immediatamente tradotto in immagine di oggetti e superfici, in sensazioni familiari e piacevoli?

Ecco una legenda che sintetizza le descrizioni in possibili stili:

A)  Shabby chic, romantico B) Vintage   C) Country   D) Design, moderno   E) Classico, sofisticato

Prendete un appunto, adesso, dello stile che avete scelto e provate ad aggiungere altri materiali ed oggetti adatti a svilupparlo, abbinandoli ai colori più amati. Se volete, potete provare anche a “fondere” due stili, sottoponendo il risultato alla vostra critica.

Il Piacere di Ricevere - Bologna - decorazioni in lilla
Il lilla ha avuto grande successo negli utlimi tre anni; anche se adesso sembra aver perso qualche posto nella classifica dei colori più amati, rimane una nuance molto romatica

Le immagini inserite nell’articolo possono esservi d’ispirazione per creare il vostro quadro personale (o board), con foto e appunti che vi aiuteranno a realizzare o a far realizzare, le decorazioni per il vostro matrimonio, rendendolo unico e irripetibile!

Un ultimo consiglio

Tutto ciò che attiene all’organizzazione del proprio matrimonio deve essere piacevole, emozionante, sì, ma privo di stress;  a maggior ragione,  la scelta delle decorazioni dovrebbe essere puro divertimento per il vostro io più creativo. E’ importante, però, arrivare per tempo ad avere idee chiare circa cosa si desidera (colore e stile), per poter lavorare con calma sui dettagli e sull’insieme.

Noi ci auguriamo di avervi aiutato a fare delle scelte, ma se avete domande o dubbi, non esitate a scriverci!

A presto!

Lucia Pazzi

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Pinterest
  • Twitter